Detti ....

      ........ paraguna .....

 

L'anticu diciva ...... e

nu' sbagliava

 

     Ancora in uso, altri un p meno, altri ancora usati dalla lingua italiana, sono sempre attuali, i "detti".

Ho voluto raccogliere i principali con il Vostro aiuto. Ho anche effettuato delle ricerche oltre per avere la traduzione in italiano anche per capire il significato. Auguro buon lavoro  a quanti si servono di queste pagine (web) per le pubblicazioni di tesi o altri lavori come avvenuto precedentemente, quanti volessero contattarmi direttamente per altre segnalazioni, potranno inviare una e-mail al seguente indirizzo: teromis@hotmail.com oppure iscriversi alla mailing list per avere gli aggiornamenti. Mando infine un abbraccio a quanti non si trovano pi nella nostra "Campobello", e colgo l'occasione per esortarli ad invitare altri amici a visitare questo sito.

Buona navigazione e un caro saluto a tutti.

Alessandro Casuccio.

      DITTI CAMUBBIDDRISI
 
TESTO ORIGINALE TRADUZIONE
A ligna senza corda    Andare a  legna senza corda 
A lu piritaru cci ammancava la tussi Al piritaro gli venuta tosse  
A natali ccu lu friddu e la fami  Natale con freddo e fante  
A natali un passu di cani    A Natale i giorni si allungano quanto un passo di cane 
A Santa Lucia un cuocciu di cuccifa    La giornata si allunga quantu un passodi un piccolo volatile
A tiempu di sdilluviu tutti li strunza natano  Con gli alluvioni gli stronzi nuotano
A tri parmi di lu ma culu chi boli fari f    A tre palmi (un palmo circa 25 centimetri) dal mio culo, faccia quel che vuole 
Abballari senza suona   Ballare senza suono
Abbuttati vecchia!    Saziati vecchia 
Acqua davanti e stoppa n'culu   Acqua davanti e canapa nel culo
Acqua e fuocu datici luocu acqua e fuoco che stiano nel loro luogo, (quindi stiamo lontano da loro)
Acqua passata nun macina cchi acqua passata non macina pi
Agnieddu a sucu e fin lu  vattiu   agnello con sugo ed finito il battesimo (quando un evento tanto atteso, finisce)
Agustu e rigustu capu di mmiernu Agosto l' inizio dell' inverno
All' annegatu petri d'incapu      All'annegato si buttano le pietre di sopra
All'acqua ccu lu panaru   andare alla sorgente col paniere 
Alliccari e sdilliccari ie capu di malannu   Accordare e non accordare inizio di lite
Amara cu sutta d'atri  Poveretto chi dipende dagli altri
Amara quannu sciddica lu pedi      Guai quando scivola il piede
Ammazzatu quannu chiovi ccu l' ariu niettu     accidenti quando piove con cielo limpido
Ammisca crapi e cavuli Mischiare capre e cavoli
Amuri, biddizzi e dinari un si puonnu ammucciari  Amore, bellezze e denaro non possono essere nascosti 
Aranci aranci cu l' avi si li chianci arance arance chi ce l'ha (le pene) se li piange da s
Arbiru curtu fa buon fruttu  Albero corto fa un buon frutto
Ariu niettu nun c' paura di trona con il cielo limpido non si teme temporale
Arraglia troia ca a mia m' annoia    raglia scrofa perch a me dai noia (lite tra donne)
Arri  ccu arri nsemmula ccu li tua  della stessa specie
Arridiemmu c'aviemmu lu patri babbu Ridiamo perch abbiamo il pap stupido
Ascutari i miegliu di parlari    ascoltare meglio di parlare
Asini e picciliddi Diu l'aiuta  Stupidi e bambini Dio li aiuta
Avanti li ma dienti ca li ma parienti    Meglio i miei denti anzich  i miei parenti 
Avanti oi l'uovo ca dumani la aaddrina    meglio l'uovo oggi che la gallina domani
Avanti schetta e amari lu Signuri ca u mmaritieddru ppi un certu addubbari  meglio restare scapoli ed Amare Dio anzich accomodare con un maritello 
Aviri la lingua cchi longa di un scrissuni Avere la lingua pi lunga di una serpe
Avissiru a cadiri vommari di pizzu Dovessero cadere macigni con la punta
Babbia e dinari un si puonnu ammucciari Stupidit e ricchezza non si possono nascondere
Beddra rrobba c'aju n' Francia e cca muoru di lu friddu Bella roba che possiendo in Francia e qui muoio dal freddo
Calati junku ca passa la china    Chinati (non ti spezzare, sopporta) Giungo fin quando passa la piena del torrente 
Campana ca nun senti a primu ntuoccu, ca lu discursu nun ci piaci    Quando non si apprende subito, che il discorso non piace
Cani a ddu e carusi a unu  Cani a due e bambino uno solo (per avere pi effetti i cani da guardia devono essere almeno due, mentre se un bimbo solo, pi calmo)
Cappiddazzu paga a tutti    Cappellaccio (mastro) paga per tutti 
Cavaddu gastimiatu cci luci lu pilu  Al cavallo accidiato, luce il pelo, scoppia di salute
Cccu un firticchiu, setti casati per una cosa da nulla succede uno sconquasso
Cc' ammaccari li strauliddri Gli devo dare botte
Cchi ffa la gnura liddra ? Mbascia e spascia la picciliddra quando si fa sempre la stessa monotona cosa 
Cchi nnicchi nnacchi Quando una persona confonde un soggetto con un' altra persona
Cchi t'accuntienti un muortu ncuoddru fina ca annivisci, o un cuornu nculu fina c'arrimoddra? Preferisci stare con un cadavere in braccio finch risuscita o un corno (di bue) in culo finch non si scioglie?
Cchiu scuru di menzannotti nun po fari Pi buio di mezzanotte non pu fare
Cci ammanta lu pani a lu  juornu e lu cummuogliu a la notti Gli manca il cibo di giorno e le coperte la notte
Cci detti chiddri di coppella Gli diede botte di coppella  (Coppella era un noto picchiatore)
Cci vuonnu 40 jorna p'azzizzari la massaria Ci vogliono 40 giorni per sistemare la masseria ("azzizzari" dall' arabo "aziza"   rendere splendende)
Ccu lu celu picurinu, si nun chiovi la sira chiovi lu matinu Col cielo a pecorelle se non piove la sera piove il mattino 
Ccu lu parmu e lagnutticatura Quando si rid pi di quanto si abbia preso
Cerca la morti p'arripuosu Cerca la morte per riposare (riferito all' incosciente)
Chiavuzza chiavuzza ognunu nni la so casuzza detto alla fine dei giochi tra i bambini per andare a casa (chiavetta chiavetta ognuno nella propria casetta
Chiovi a banni a banni Piove a macchia di leopardo, quando non si imparziali
Chiovi a rietini stisi Piove come a redini stese (di gran carriera - copiosamente)
Ci circava lu latti di l'acieddri Gli cercava il latte degli uccelli
Ci mancanu 19 sordi ppi fari na lira Gli mancano 19 soldi per fare una lira (una lira era costituita da 20 soldi)
Circari a Bilasi ccu li pisci Cercare a Biagio coi pesci (come cercare nessuno)
Corna e bastunati cu l'avi si li teni Chi cornuto e chi ha avuto bastonate se li tiene per se
Cu allicca s' ardi Chi lecca (assaggia) prima degli altri si brucia le dita
Cu arridi lu venniri chianci lu sabatu Chi ride il venerdi, il sabato piange
Cu arrobba fa na pinzata, cu arrubbatu nni fa 100 Chi ruba ha un' idea, il derubato ne ha 100
Cu ava aviri cu ava dari, siemmu tutti paci Chi deve dare e chi deve avere, siamo tutti alla pari
Cu cancia la vecchia ccu la nova, tutti li guai trova Chi cambia la vecchia con la nuova tutti i guai trova
Cu fa 99 e non fa 100 perdi lu 99 e lu cientu Chi fa 99 e non fa il 100, perde tutto
Cu figliu di gattu i, surci puglia chi figlio del gatto acchiappa i topi
Cu i minchia mori a lu spitali Chi sciocco muore all' ospedale
Cu javi culu cunsiddra Chi possiede un culo considera gli altri
Cu javi dinari ass sempri cunta, cu javi muglieri beddri sempri canta Chi ha molti soldi sempre li conta, chi ha la mogli bella sempre cante
Cu javi lingua passa lu mari Basta sapersi esprimere per attraversare i mari
Cu javi magnu amici, javi picca amici Chi ha molti amici, ha pochi amici veri
Cu javi sordi campa filici, cu nunn' avi perdi l'amici Chi ha soldi vive felice, chi non ne ha perde gli amici
Cu javi un parrinu, javi un jardinu Chi ha in famiglia un prete, possiede un giardino di benessere
Cu j minchia carnalivari o cu cci v appriessu? Chi stupido lo scemo o chi lo segue?
Cu mangia crisci, cu mori sprisci chi mangia cresce, chi muore sparisce 
Cu nenti javi, nenti dici chi non ha niente, non dice niente
Cu paga avanti avanti, mancia pisci fitenti chi paga prima, mangia pesci fetenti
Cu primu nasci, primu pasci chi prima nasce prima va a pascolare
Cu sbriglia lu so cavaddru, un po essiri chiamatu garzuni Chi striglia il suo cavallo non pu essere definito garzone 
Cu sceccu caccia e fimmini cridi, facci di paradisu nun ni vidi Chi va dietro gli asini e crede alle donne non vedr paradiso
Cu si curca ccu li cani, si susi ccu li pulici chi Si corica coi cani si alza con le pulci 
Cu si curca ccu li gaddrini si susi ccu li piddrizzuna chi si addormenta tra le galline si alza con i pidocchi 
Cu si fa maraviglia, cci cadi la caviglia Chi si meraviglia degli altri vi ricade se stesso 
Cu sparti javi la meglia parti Chi divide ha la migliore parte
Cu sta spranza d'atri e la pignata minti, v p arriminari e nun trova nenti Chi spera negli altri che badano alla propria pentola, va a mescolare e non trova niente
Cu stampa pupi e Santi, la so casa un porta avanti Chi fa disegni di immagini e di Santi non porta la casa avanti
Cu unn'ascuta la mamma cerba, cazi cazi cci v la mmerda Chi non ascolta i consigli della mamma, avr sempre imprevisti
Cu voli a Cristu si lu preja Chi ama Ges, se lo preghi lui stesso
Cugliutu nni lu zzi Madd, socchi ci avi iddru cci aju j Raccolto dallo zio Amedeo, quello che suo mio (rubato)
Culu ca nin s'ha misu a vraca, sempri ca si caca Esagerato uso di un oggetto-novit
Cummannari i miegliu di futtiri Comandare meglio che fare l'amore
Cummigliari lu suli ccu lu crivu Nascondere  il sole con il setaccio
Cuomu lu sceccu di Ninu Marruni, ca quannu lu so sceccu si mpar a nun manciari, cci vinni un mali e mur Quando l'asino impar a non mangiare mori
Cursa di lu puddritru La corsa del puledro, prima si corre e poi si deve aspettare
Di li parrini si piglianu li vini Dai padrini si assomiglia molto
Di li parrini, viditi la missa e stoccacci li rini Vedi solo la messa dai preti, e poi basta
Dici la mamma checca, si talia e si minti nzacchetta Dice la mamma balbuziente, si guarda e si mette in tasca
Dici la mamma Rocca, si talia e nun si tocca Dice mamma Rocca si guarda e non si tocca
Diu i ranni, e la Madonna preja Famoso detto di un noto personaggio campobellese
Fa lu minchia ppi nun pagari la dugana Fai il fesso per non pagare la dogana
Fa ridiri e fa rudiri Fa arrabbiare e fa anche ridere (riferito al discolo)
Falla cuomu vu, ma j sempri cucuzza La zucchina rimane zucchina in tutte le pietanze
Fallu a tunnina d'uogliu Originariamente era "farlo a tonnina con olio" la "tunnina" era la carne del tonno, farlo a pezzi.
Fanni quantu na cuda di gattu, e dumani ti lu truovi fattu fai (un lavoro) quanto una coda di gatto e domarli te lo troverai fatto.
Fari trasiri lu sceccu ppi la cuda Fare entrare l'asino per la coda
Fatti la fama e vva curcati Fatti la buona fama e vai a coricarti
Feti cuomu l' arsolio Puzza come il petrolio
Fici l' urtima cuomu Pasquinu (o) fari na pasquinata L'ultima malefatta del famoso Pasquino
Figli nichi, guai nichi. Figli ranni, guai ranni. Figli piccoli, guai piccoli, figli grandi, guai grandi
Fimmina mbrigliuta j sempri manuta La donna energumena usa sempre le mani
Fuiri nugn vrigogna Fuggire non porta vergogna
Funci, pateddri e granci, nenti frii e nenti manci Funghi, patelle e granchi, nulla friggi e nulla mangi
Furca ca ti nfurca Forca che ti inforca (quando capita qualche cosa di cattivo al cattivo).
Gasini e mali turrena, amara cu cci ncaglia Guai a chi ha a che fare con sciocchi e cattivi terreni
Gaza lu manciari, nun gazari lu cchifari Conserva il cibo, non conservare il da fare
Grapiri lu tri Aprire il tre (aprire gli occhi agli altri)
Ha fattu lu spacca e lassa Ha fatto lo spaccone
Innaru siccu massaru riccu, quannu diciembri ci lass lu lippu Gennaio secco, l' agricoltore contendo se dicembre stato piovoso
Javi lu cori niuru cuomu la pici Ha il cuore nero come la pece
Junciti ccu li miegli di tia e appizzacci li spisi Anche se rimetti le spese, unisciti con quelli migliori di te
L' acieddriu intra la falla  avere l'uccello trattenuto nella veste (quando si euforici)
L' acieddriu intra la gaggia o canta ppi gioja o canta ppi raggia L' uccello dentro la gabbia canta per gioia  o per rabbia
L' acqua di ncelu sazia la terra L'acqua dal cielo (pioggia) sazia la terra
L' acqua fridda mi pari calla L'acqua fredda mi sembra calda (quando si scottati da una circostanza)
L' acqua sinni v unn la pinnenza, l'amuri sinni v unna j la spranza L'acqua va via con la pendenza - l'amore va dove c' speranza
L' amuri sinni v unna j la spranza L' amore v dov' la speranza
L' arbiru picca e lu ramu ricivi L' albero fa il peccato e il ramo riceve le conseguenze
L' arraggiuni l' avi lu sceccu La ragione dell' asino
L' omu ppi la parola, lu v ppi li corna L'uomo per la parola, il bue per le corna
L' omu priviggenti nun fu mai poviru L' uomo previdente non fu mai povero
L' urtimu a sapirlu j sempri lu curnutu L' ultimo ad esserne a conoscenza il tradito
La calunia ci fu e la morti vinni Vi fu la scusa e venne la morte
La campana dici: Dammi e dugnu La campana dice: dammi ed io do
La cannilora, la mmirnata j menza fora, ma si nun veni l' annunziata la mmirnata ugn passata Per la candelora l'inverno quasi finito, ma per l'Annunziata completamente finito (candelora 2 febbraio - Annunziata 25 marzo)
La canzuna la canta cu la sapi La canzone la canta chi la conosce
La fastuca ccu lu scornabeccu Due che son fatti l'un per l'altro
La furca ci ava scansari la galera La forca gli risparmier di andare in galera
La gaddrina fa l'uovu e a lu gaddru ci doli lu culu La gallina fa l' uovo e al gallo fa male il culo
La gatta quannu nun po arrivari a la saimi dici ca j gaghira Quando la gatta non riesce a prendere la sugna, dice che aspra.
La lingua ninn' avi ossa, ma rumpi l'ossa La lingua senza osso, ma rompe le ossa
La matri j l' arma, ma lu patri j sdannga La mamma l' anima, il pap una sbarra
La meglia acqua si la vivinu li puorci L' acqua pi buona se la bevono i maiali
La meglia parola j chiddra ca nun si dici La migliore parola quella che non si dice (il silenzio)
La miseria di li Carletti, la superbia di li Litizii, la prosopopea di li Catanzani  
La muntata j quantu lu pinninu La salita quanto la discesa
La piecura ppi diri mmee, persi lu macicuni La pecora per dire Bee ha perso il boccone
La quartara va all' acqua sina ca si rumpi La brocca va alla fontana finch non si rompe
La robba di ribbi rabbi, sinni va a rabbi ribbi La refurtiva fa sempre una cattiva fine
La robba sta ppi tri: cu la paga, cu la strapaga e cu si la mangia p'amuri I beni sono per tre soggetti: chi la paga, chi la strapaga e chi la sperpera.
La terra a li cuntadini, la posta a li Boni, li chiesi a li Cardiddri  
La vutti china e la muglieri mbriaca La botte piena e la moglie ubriaca
La zita majulina nun si godi la vistina La sposa di maggio non si gode il matrimonio
Ladia nfacci e ladia ncori Brutta in faccia e nel cuore
L'erba tinta nun sicca mai L' erba cattiva non muore mai
Li dinari di l'accucchiaturi si li mancia lu scarafuni I soldi del risparmiatore li sperpera lo scroccone
Li guai di la pignata li sapi la cucchiara I guai della pentola li conosce il cucchiaio
Li munnizzara schiurieru e li jardina siccaru Gli immondezzai son fioriti e i giardini si sono appassiti
Li sordi fannu sordi, li piduocchi fannu piduocchi I soldi fanno i soldi, i pidocchi creano pidocchi
Livari senza mintiri nun po durari Togliere dai risparmi senza rincalzare, non pu durare
Lu cani di l'urtulanu, nne mancia e mancu fa manciari Il cane dell' ortolano n mangia n fa mangiare
Lu cannisciu si gavita quannu j chinu Valorizzare e risparmiare le ricchezze quando ci sono
Lu celu lu itt e la terra l' arricugl Il cielo lo ha buttato, e la terra lo ha raccolto (un essere abbandonato)
Lu cuntu di li tri surdi Discorso tra tre sordi
Lu diavulu di la campaneddra Il diavolo della campanella (coloro che  incitano gli altri a disobbedire)
Lu dicu a tia nora ppi sentirlu a tia soggera Lo dico a mia moglie per farlo sentire a mia suocera
Lu gaddru ci dissi a la gaddrna: lu tiempu si piglia cuomu veni Il gallo disse alla gallina: prendi il tempo come viene
Lu juornu nun ni vuogliu e la notti spardu l'uogliu Il giorno non ne voglio (lavoro) e la notte consumo olio (per lavorare)
Lu liettu j rosa, si nun si dormi s'arriposa Il letto una rosa, se non si riesce a dormire, si ci riposa
Lu miegliu parenti j la vicina La migliore parente la vicina
Lu picca m'abbasta e l' ass m'assuperchia Il poco mi basta, il troppo mi soverchia
Lu picuraru pripara la ricotta mbasi a l' amici c'aspetta Il pecoraro fa buona la ricotta in base agli amici che aspetta
Lu pisci di lu mari nun si sapi cu si l'ava manciari Il pesce del mare non si sa chi lo dovr mangiare
Lu primu j juocu, lu secunnu j luocu, lu terzu j fuocu I figli. Il primo per gioco, il secondo normale, il terzo diventa fuoco
Lu riccu j riccu pirch dici abbon, lu poviru j poviru pirch dici nenti j Il  ricco ricco perch si accontenta di tutto il povero invece al contrario.
Lu sabatu si chiama allegra cori ppi ccu javi beddri li muglieri, accu l'avi brutti ci mori lu cori e preja ca lu sabbatu mai veni Il sabato si chiama allegra cuori per chi ha la moglie bella, per chi l' ha brutta gli muore il cuore e prega affinch mai venga
Lu saziu nun cridi a lu dijunu Il sazio non crede a chi in digiuno
Lu sceccu fa na pinzata e lu patruni nni fa natra L'asino ha un' idea ed il padrone ne fa un'altra
Lu sceccu porta la paglia e lu sceccu si la mancia L' asino porta la paglia e se la mangia lui stesso
Lu sceccu un voli iri a lu mulini, abb di vastunati ava curriri L'asino non vuole andare al mulino, a mezzo di botte dovr correre
Lu sceccu zzuoppu si godi la via L'asino zoppo si gode la strada
Lu suli affaccia, e affaccia ppi tutti Il sole splende per tutti
Lu surci cci dissi a la nuci, dammi tiempu ca ti spirtusu Il topo disse alla noce: dammi tempo che ti foro
Lu trivulu mpara a chianciri Il bisogno insegna a far piangere
Lu vicinu j serpenti, si nun ti vidi ti senti Il vicino serpente, se non ti vede ti sente
Lu viddranu pi nun aviri gusti, canci l'angiddra ppi lu crastu Il villano essendo senza gusti, scambi il castrato a posto dell' anguilla
Lu v dici curnutu a lu sceccu Il bue d del cornuto all' asino
Luongu cuomu lu misi di maju Lungo come il mese di maggio
Mancia di lu toi mancia e sierbitinni bene Mangia dal tuo cibo e servitene bene
Manciari li guvita  a mizicuna Mangiarsi i gomiti a morsi
Maritu tintu, maritu buonu, tintu cu unnavi ne tintu ne buonu Marito cattivo, marito buona, male quando non ce n'
Masciu ad uocchiu, masciu di finuocchiu Mastro ad occhio, mastro di finocchio
Masciu cola ccu na furma Mastro Nicola con una forma (quando si fa sempre la stessa cosa)
Mentri ca lu cani piscia, lu cinigliu si nni v Mentre il cane piscia il coniglio scappa
Mentri ca lu pedi camina, lu cori sciala Mentre il piede cammina il cuore si diverte
Mi chiamu Tanu quannu manciu statimi luntanu Mi chiamo Tano quando mangio voglio a tutti lontano
Mi lass mmienzu l'acqua e l' aranci Mi ha abbandonato tra la pioggia e le arance
Mi truv mmienzu li favi Mi ha trovato in mezzo alle fave (rimprovero vibrante)
Miegliu aviri a cchi fari ccu 100 malandrini ca ccu unu babbu Meglio aver a che fare con 100 mafiosi che con uno stupido
Miegliu aviri cchi fari ca aviri cchi diri Meglio avere da fare che avere problemi
Miegliu intra nuda e assittata ca fora vistuta e assicutata Meglio stare a casa da poveri che fuori rincorsa dai creditori
Miegliu la paglia di vicinu ca lu furmientu di luntanu Meglio avere la paglia vicina che il grano da molto lontano
Miegliu na figlia buttana ca un turrenu a labbru di stratuni Meglio avere la figlia puttana (e nessuno ti dice niente) che un appezzamento di terra in vista (ove tutti hanno di che criticare)
Miegliu scrusciu di catini ca scrusciu di bicchini (o di Campani) Meglio sentire scroscio di manette che scroscio di becchini
Mintiri malumpuostu Istigare gli altri
Mintiri pupi a cavaddru Mettere soldatini a cavallo(mettere ad altri cattive idee in testa)
Mintiti lu curuzzu a funcia Rassegnati
Monaci e parrini a tavula su sempri primi Monaci e preti a pranzo sono sempre primi
Mori lu v e mori l'agnieddru, mori la piecura e lu sciccarieddru, muorinu li gintuzzi chini di guai, cu rumpi li palli nun mori mai. Muore il bue e muore l'agnello, muore la pecora e l' asinello, muore la povera gente piena di guai, chi rompe le palle non muore mai
Muriri e pagari, su l' urtimi cosi a fari Morire e pagare sono le ultime cosa da fare
Na durmuta j meglia di manciata Una dormita migliore di mangiare
Na zappata j menza abbrivirata Quando si zappa un terreno quasi come se si innaffiasse
Ncagli  cuorbu ! "Ci sei caduto Corbo! (cognome del marito)", infatti mentre questi si trovava sul solaio a sistemare la paglia, lei tolse la scala cos il marito non poteva pi scendere.
Nnavi ntipatia chioss di lu ntuossicu E' antipatico pi del veleno
Nni l' amici e nni li parienti nne s'accatta e nne si vinni Con gli amici e coi parenti non bisogna ne comprare ne vendere
Nni la casa di Ges socchi trasi un nesci cchiu Nella cas di Ges, quel che entra non esce pi
Nni sa casa munnizza nun ni fannu In quella casa non creano immondizia (per l'avarizia)
N'omu poviru babbu, j u babbu; n'omu riccu babbu, j u riccu Un uomo stupido povero uno stupido; uno stupido ricco un ricco
Nun mancia ppi nun cacari Non mangia per non cagare
Nun si scanta mancu di li baddri Non teme neanche dei fantasmi
Nun s tu giurana ca canti, ma j lu margiu ca ti fa cantari Non capacit della rana che canta, ma l'ambiente in cui si trova che la fa cantare
Nun sulu la bagascia ca ti ngaggiu, macari te teniri lu suonu Oltre a passarti la prostituta, ti debbo fare avere anche la musica
Nun voli nne metiri e mancu pisari Non vuol fare nessuna scelta
Nuttata persa e figlia fimmina Nottata in bianco ed inoltre figlia nata femmina
Ogni facci cci appatta lu so nasu Ogni naso conforme alla propria faccia
Ogni sbagliu j moda Ogni errore fa moda
Ogni testa j un tribunali Ogni testa come un tribunale
Panza e prisenza Pancia e presenza. Quando si affronta con coraggio un problema
Parlari senza pinzari j cuomu sparari senza mirari Parlare senza riflettere come sparare senza mirare
Parola macichiata j menza ditta Parola sussurrata met detta
Passa quantu lu du a bastuni Vale quanto il due di bastone
Pattu prima e amicizia doppu Prima si fa il patto e poi l' amicizia
Pensa lu mali ca tinni veni beni Pensa al male per ricavarne il bene
Persi lu sceccu e li garrubbi Ha perduto l'asino e le carrubbe 
Persi lu sceccu e va circannu capistra Ha perduto l' asino e va cercando le redini
Petra di l'ariu Pietra caduta dal cielo, problema improvviso
Pezzica ci cadi lu chinu Chiss le possa cadere il Pieno - (la gravidanza, abortire)
Piglia primu cuomu li buttani Si d ragione prima degli altri come le puttane
Pigliari lu celu a pugna Prendere il cielo a pugni, credere di essere potente
Piriculusa j ddra casa unna la signura a tutti vasa E' pericolosa quella casa ove la padrona bacia a tutti gli ospiti
Piscia fora lu rinali Fa la pip fuori il vaso da notte
Piscia ncapu la scupa Fa la pip sulla scopa. Come dire "chi se ne frega"
Ppi l'amuri di lu figliolu, la mamma si mancia l'ovu Con la scusa del figlio, la mamma mangia pure lei l'uovo
Punciri lu sceccu ntra muntata Pungere l' asino in salita, quando sotto sforzo
Puozzu ca nun ci puozzu, lu fazzu a tia nora ca ci puozzu Visto che non posso punire a mia suocera, punisco la di lei figlia
Putia e uortu stacci muortu Negozio ed orto devi starci sempre
Quannu lu sangu arriva sutta li piedi mi mintu ncapu la seggia Quando il sangue arriva sotto i piedi mi metto sopra la sedia (qualora le minacce non fanno paura)
Quannu lu sceccu nun voli viviri, mancu ammazzatu Se l' asino non vuole bere, non beve nemmeno se lo uccidi
Quannu lu viecchiu stira lu pedi, lu picciuottu poco teni Quando l'anziano stira i piedi (muore) il giovane (il figlio) il prossimo.
Quantu j bellu diri di no, arresta l'amicu e lu fattu so Che bello dire di no, ti resta anche come amico
Radiri e pagari Radersi (e quindi lasciare i peli) e pagare
Rignuna caduti Resettare le spalle
Rispetta lu cani ppi l'uocchi di lu patruni Tratta bene il cane per rispetto del suo padrone
Rumpiri lu scaluni Rompere lo scalino (quando si v a chiedere la mano della ragazza per il di lui figlio)
S'allammica Quando viene voglia di qualcosa
Santa Lia, tutti cuomu a mia Come "mal comune mezzo gaudio"
Sapi cuomu l'acqua giorgia E' insapore come l'acqua piovana
Sbiu di vaneddra e trivulu di casa Tipo brillante fuori con gli amici e cattivo tra le mura domestiche
Sceccu ca s'avanta un mali nenti L'asino che si vanta non vale niente
Scrusciu ass e qubaita nenti Troppo rumore, ma senza companatico
Sempri tri butti cci fa la vigna Dalla vigna ricava sempre tre botti di vino
Senza dinari nun si canta missa e senza stola si cunfessa Senza soldi non si canta messa e senza la stola non si pu confessare
Si fici lu cucchiarieddri Fece la forma della boccuccia del bimbo prima che si mette a piangere
Si godi ccu la cugnata Sono adulteri con la cognata
Si juncieru Gaspari Ballassaru e panza moddra Si sono uniti Gaspare Baldassare e pancia molle
Si juncieru un minchiuni e n'omu ranni Si sono uniti un minchione(ragazzo) e un uomo grande (anche lui minchione)
Si la sorti nun ti dici, abbiati nterra e cuogli vavaluci Se non sei baciato dalla fortuna, buttati a terra e raccogli lumache
Si mancia a don Cola ccu tutti li corna Mangia a Don Cola con tutte le corna
Si Naru chianci Camascia si pila Se Naro piange, Camastra si inzuppa. Naro e Camastra sono due centri vicini, Naro molto pi alta, quando piove Naro si bagna, immaginiamo cosa succede a Camastra
Si passi di banninu e un si firmatu, mburnatardu un c' o i malatu Se passi da "Bannino" (territorio di Campobello) e non sei rapinato Mburnatardu (famoso brigante) non c' o ammalato
Si ti viu ti juocu si nun ti viu t'arruobbu Se mi scorgi faccio finta di giocare, altrimenti ti rubo
Sicca cuomu na garrubba Magra come una carruba
Socchi arrobba nun ci luci Quel che ruba maledetto
Socchi dici la mamma a lu cufilaru dici lu figliu a lu munnizzaru Quello che si discute tra le mura domestiche, viene riferito dai figli in mezzo alle strade
Socchi javi a la menti javi a lu denti Dice tutto quello che gli passa dalla mente
Socchi mancia, arrutta Si rutta quello che si mangiato (viene detto a chi si espresso con parole scurrili e triviali)
Socchi ppi tia nun vu ad atru nun fari Quello che non vuoi fatto, non fare ad altri
Sparaci vavaluci e funci, spienni dinari ass e nenti manci Asparagi, lumache e funghi, spendi molto e niente mangi
Sparagna sparagna ppi li cani e li gatti Risparmi che andranno a finire agli animali (riferito a chi non ha eredi diretti)
Sta bbanera di masciu minicu Questa bandiera del mastro Domenico 
Su quaranta quantu la briscula Sono 40 quanto le carte della briscola
Su sempri umiti: nasu di cani, manu di varbera e culu di fimmini Sono sempre umidi i nasi dei cani, le mani dei barbieri e i culi delle donne
Sugnu mmienzu a Ricu Roccu e Binnardu Mi trovo tra Enrico, Rocco e Bennardo (tre fratelli leggendari per la cattiveria)
Sunnu godi e godi Convivono
Surfaru sugnu e di San Catallu viegnu Sono zolfo e vengo da San Cataldo (quando non si vuol rispondere ad una domanda compromettente)
Sutta  lu nasu c' la vucca Sotto il naso vi la bocca (bisogna oleare gli ingranaggi)
Taci maci Fare qualcosa in sordina
Taglia lu strunzu ccu lu filu Talmente avaro che taglia col filo anzich col coltello per non sporcarlo
Tanti pizicuna fannu li carni niuri Tanti pizzicotti fanno la pelle nera
Tantu va la gatta a la saimi ca cci lassa la gammuzza La gatta va tanto al lardo finch ci lascia la zampetta
Tanu Tanu, lu malatu visita a lu sanu Gaetano, il malato va a visitare il sano
Tempu n'ura Diu lavura Tempo un' ora Dio lavora
Tiempu e maluttiempu ungn sempri un tiempu Tempo e maltempo non sempre lo stesso
Tinti li manu ca unn'ajutanu lu patruni Cattive le mani che non aiutano il padrone
Tira lu granu tiralu cuntinu Tira un grano ma di continuo (per coloro che hanno un impiego fisso)
Tra carni e ugna amara cu cci ncugna Tra carne ed unghia guai a chi si avvicina (quando ci sono liti tra familiari meglio starne alla larga)
Trasi unn' iavulu a cavaddru Entra un diavolo a cavallo (quando da una porta spalancata entra un forte vento)
Trenta e ddu vintottu Quando si sbagliano i calcoli
Un curnutu a lu so paisi, lu babbu unna v v Il cornuto solo noto nel proprio paese mentre lo stupido lo si riconosce in qualsiasi posto egli vada
Un patri campa cientu figli, ma 100 figli lu fannu muriri di fami Un padre d da mangiare a 100 figli, ma 100 figli lo fanno morire di fame
Unn' esci un cani ccu n'uossu mmucca Non esce da quella casa un cane con un osso in bocca per l'avarizia dei padroni
Unna maggiuri c' minuri cessa ubi major minor cessat
Unna v l'acqua va lu risu Dove v l'acqua va il riso (quando non ci si cura delle conseguenze)
Uocchi  chini e manu vacanti Occhi pieni e mani vuoti
Uocchi ca atu fatti chianciri, chianciti Occhi che avete fatto piangere adesso piangete
Uomini di vinu ogni tri vannu un carlinu Gli uomini di vino ogni tre valgono appena un carlino
Va circannu lu pilu nni ll'uovu Cerca il pelo dentro l' uovo
V ppi futtiri e beni futtuti Cerca di prendere in giro gli altri, invece preso in giro dagli altri
Vavaluci a sucari e fimmini a vasari un puonnu mai abbuttari Lumache a mangiare e donne a baciare non saziano mai
Veni unu di luntanu e fa rudiri lu vicinu Viene uno da lontano e fa rodere il vicino (quando una malefatta la compie qualcuno che viene da lontano e la vittima se la prende col vicino)
Viddranu latru, masciu farfanti, e parrinu senza carit, chista j la santa virit Villano ladro, mastro imbroglione, e prete senza carit. Questa la santa verit
Vinu amaru tienilu caru Vino amaro conservalo bene
Voli sapiri lu filu, lu purriettu e lu masciu ca lu chianta Vuol saper del filo, del bottone e il sarto che lo appiccica (essere particolarmente curioso)
Vucca amara Sali jetta La bocca amara butta sale
Vu vidiri quannu l'omu j minchiuni? Quannu a la fimmina cci fila lu cuttuni Vuoi sapere quando l'uomo minchione ? Quando alla donna gli tiene il cotone (per filarlo)
Zappa martinu sutta lu piru Zappa Martino sotto il pero (chi conduce una vita monotona)
   
   

 

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti:
 

 

Per gli aggiornamenti inserisci la tua e-mail:

 

 

 

torna alla